Formula 1 Sponsorship Agency Formula E Sponsorship Agency MotoGP Sponsorship Agency WEC Sponsorship Agency
Febbraio 2, 2024

Piloti di F1 come Piattaforme di Marketing

La notizia del passaggio di Lewis Hamilton alla Scuderia Ferrari nel 2025 sta facendo clamore; tuttavia, molti si chiedono ancora se questa mossa abbia completamente senso. Lasciando da parte l'aspetto sportivo, dato che il tempo lo dirà e le prestazioni di Sir Lewis saranno probabilmente definite dalla qualità della vettura, è altrettanto importante concentrarsi sulle motivazioni commerciali e di marketing alla base di questa decisione. Immaginare i piloti di F1 come piattaforme di marketing è fondamentale nel contesto della crescente commercializzazione di questo sport.

Negli ultimi anni, la Formula 1 è emersa come uno degli sport più commercializzati a livello globale, con squadre e piloti alla ricerca di modi per capitalizzare la crescita del franchising. E anche Ferrari intende esplorare queste strade.

Tra tutti i piloti di Formula 1, Lewis Hamilton è il primo, e forse ancora l'unico, a diventare un'icona al di là del mondo delle corse. Ha partecipato a sfilate di moda, si è cimentato nella musica e si è associato all'élite di Hollywood. Quando Tommy Hilfiger è diventato partner del team Mercedes di F1, esisteva già una collaborazione con Lewis Hamilton. Per molti altri partner lifestyle del team, l'accesso e l'affiliazione con il sette volte campione del mondo erano fondamentali.

Hamilton, con il suo stile inconfondibile e la sua schietta difesa delle questioni sociali e ambientali, è riuscito a creare un marchio che va oltre la pista. Questo marchio personale diventa una risorsa per la squadra, attirando l'attenzione e l'interesse non solo degli appassionati di motorsport ma anche di un pubblico eterogeneo.

Che cosa significa questa mossa per Hamilton e per la Ferrari?

Hamilton, che si avvicina ai 40 anni e probabilmente si ritirerà nei prossimi 2-3 anni, sta comprensibilmente valutando la sua carriera post-corse. La Ferrari offre di più della Mercedes in questo senso. Essere ambasciatore della Ferrari lo posizionerà come rappresentante del marchio più acclamato al mondo, aprendogli le porte più importanti del mondo dello spettacolo e spingendo la sua carriera oltre il mondo delle corse.

D'altro canto, la Ferrari sta espandendo il suo target di riferimento oltre la base tradizionale, come dimostra la produzione del suo primo SUV, la Ferrari Purosangue, seguendo una strategia inizialmente implementata con successo dalla Lamborghini con la Urus. La Ferrari sta cercando di crescere anche come marchio di lifestyle e di moda. Ciò è evidente nel lancio della propria linea di abbigliamento e accessori attraverso la divisione Brand Diversification.

piloti di F1 come piattaforme di marketingConsiderando questi aspetti, è evidente che Lewis Hamilton possa aiutare il Cavallino Rampante a estendere il suo raggio d'azione al di là delle corse e degli appassionati di auto, coinvolgendo un pubblico più diversificato e orientato al lifestyle.

In conclusione, i piloti di Formula 1, soprattutto se esemplificati da figure come Lewis Hamilton, sono diventati fondamentali per le strategie di marketing delle loro squadre. Attraverso il personal branding, l'impegno sui social media, le iniziative benefiche, il successo in pista e l'appeal globale, i piloti fungono da potenti ambasciatori per gli sponsor. Il rapporto simbiotico tra piloti e team, unito alla portata globale della Formula 1, crea una narrazione avvincente che si estende oltre i circuiti, rendendo questo sport un fiorente ecosistema di marketing in cui i piloti svolgono un ruolo fondamentale.

crossmenu